Essere del suo tempo

Pubblicato in Mercato dell'arte

Per andare oltre, ho appena letto 3 libri ricchi di informazioni per capire l'accelerazione delle evoluzioni del mercato dell'arte contemporanea negli ultimi 10 anni:

Illuminazione sul funzionamento di un sistema

Dalle lucide analisi dei professionisti emerge, ad esempio, che gli artisti francesi (e i loro sostenitori) si trovano esclusi da un sistema internazionale dominato da investitori e gallerie d'arte che tendono a proporre i loro interessi finanziari.

  • Non parliamo più di Bellezza, Storia, Opere d'Arte, ma del lavoro di riflessione di questo o quell'artista, che si traduce in "pezzi", "installazioni", "performance".
  • Alcuni artisti sono stati così spinti all'inizio della loro carriera e non sono stati in grado di padroneggiare le loro coste in seguito. Altri, al contrario, escono completamente dai "radar" perché non si inseriscono nello "stampo" del pensiero spesso "congelato" dall'onnipotente "curatore" (tradurre "curatore").

Attenzione: per comprendere l'arte contemporanea, abbandonare ogni riferimento alla pittura da cavalletto: nasce un nuovo ciclo in cui lo spettatore partecipa all'elaborazione dell'opera. È quindi necessario essere iniziati e investire tempo per capire questo nuovo linguaggio artistico prima di farsi un'opinione.

  • L'albero che nasconde la foresta:
    • Gli artisti conosciuti in relazione ai dischi d'asta non sono rappresentativi dell'intera produzione ma piuttosto il riflesso di un sistema tra collezionisti, galleristi, investitori, istituzioni". Il prezzo medio di un'opera d'arte si aggira intorno ai 5.000 euro, lontano dalle spettacolari impennate dei prezzi.
  • Il collezionista d'arte contemporanea vuole "essere del suo tempo" e dimostrare di potersi offrire un tale artista la cui costa esposta e conosciuta è esposta come un "Trofeo", secondo Frederic ELKAIM. È anche il successo delle collezioni aziendali (la collaborazione del gruppo LVMH con artisti noti i cui risultati sono più o meno soddisfacenti).

3 approcci diversi a seconda del background dell'autore

  • Frédéric ELKAIM, fondatore diArt Now! si propone di accompagnarci (finalmente chi cerca di capire) verso l'universo artistico contemporaneo. Lavora sinceramente per un accesso democratico aperto a tutti.
    • Nel suo libro, niente domande sciocche, niente tabù, si limita a sezionare tutti i pregiudizi che sentiamo. Questo ostacolo alla comprensione per chi non frequenta l'ambiente, chiude gli attori in un microcosmo difficile da penetrare e che essi mantengono per la maggior parte del tempo per l'assenza di mediazione. Ma cerchiamo di essere positivi, è il nostro turno di scuotere le convenzioni.
    • Con umorismo, il suo lessico soggettivo per imparare a "parlare di arte contemporanea" è una delizia e ci salva dal "nerdismo" (grazie Frédéric!).
  • Nathalie OBADIA, "rappresenta gli artisti contemporanei e francesi e partecipa a una decina di fiere internazionali" spiega perfettamente la posta in gioco strategica del "soft power" usato saggiamente dalle grandi potenze economiche.
    • Dopo Rothko e Wharol's America, perché l'Europa e la Cina hanno difficoltà a convincere?
    • Mi è piaciuto il suo capitolo sui "collezionisti, al centro del gioco" che la dice lunga sui nostri gusti e sul gruppo sociale a cui apparteniamo... Comprare per mostrare o assumere le proprie scelte?
  • Il Ministero della Cultura ha effettuato un'indagine sui collezionisti nel 2014;
    • le motivazioni e i profili principali sono molteplici:
      • economico (ritorno)
      • soddisfazioni sociali (possesso di lavoro: entrare in un gruppo socialmente desiderato, soddisfazione dallo scambio con i membri del gruppo ...)
      • i collezionisti diventano produttori commissionando lavori (per istituzioni private o pubbliche)

Insomma, grazie a queste recenti analisi, possiamo seguire la storia dell'arte scrivendo un nuovo capitolo; cosa rimarrà di quelli eccezionali all'inizio del XXI secolo?

Non mi interessa, devi "essere nel tuo tempo libero". Vedere il movimento della creazione contemporanea e la comprensione del movimento è il motivo della mia visita alla prima edizione della Settimana dell'Arte di Monaco dello scorso aprile: i tour nelle gallerie e nelle sale d'asta, oltre alla mostra PAD art + design, soddisfano le aspettative di una nuova clientela che potrei diventare!

Scrivere e premere Invio per cercare

Carrello
Precedente Avanti
Chiudere
Didascalia di prova
La descrizione del test fa così