Mercato di Cannes Forville, un mercato delle pulci a due passi dalla Croisette

Pubblicato in Mostre

Fin dalla scuola elementare di La Ferrage, a due isolati dalla Croisette, ho vissuto l'emozione dei 50 anni del "Festival Internazionale del Cinema" di Cannes. È una continua inondazione di persone riconoscibile dal famoso nastro di accreditamento e dal distintivo che apre tutte le porte. Spesso vestiti con abiti estivi, nonostante il freddo e la pioggia si alternino a un raggio di sole, camminano in piccoli gruppi tra alberghi e cinema o terrazze di ristoranti.

Dietro il "cinema di Cannes", il nostro mercato di Forville continua a vivere al ritmo della popolazione locale e, come ogni lunedì, i commercianti dell'usato hanno allestito una cinquantina di stand sotto la sala costruita nel 1934.

Un momento con l'attrice indiana Sayani Gupta

Sono stato umiliato da Sayani Gupta, un abbonato di 71,4 K su Instagram, che stava girando un servizio per il canale americano Fox News.

Attrice, modella e allo stesso tempo giornalista, è in grado di intervistare in diretta da sola gli antiquari che tengono i suoi stand preferiti con gentilezza e competenza. 3 persone per la registrazione di suoni e immagini più 2 assistenti personali organizzano in parallelo i contatti che vengono da lei, per promuovere questo o quel negozio o prodotto del settore. La sua influenza è ben percepita dagli addetti ai lavori dell'e-commerce che la sollecitano a passare dal loro stand con il biglietto da visita in mano.

È difficile credere che funzioni così. Sono rimasto sorpreso dalla sua professionalità sia sul suo outfit, molto fotogenico sul tema romantico, sia dalla sua disponibilità e conoscenza sullo stand specializzato dei fumetti francesi e belgi (ha comprato l'album a 50 euro).

Capisco meglio il suo successo sui social network grazie al lavoro svolto a monte per produrre belle immagini e contenuti regolarmente rinnovati.

Vetreria e illuminazione Biot a meno di 100 euro; la scelta di un giovane antiquario.

Loris è un giovane antiquario installato all'ingresso del mercato che propone originali vetrine o oggetti decorativi accanto a luci firmate da artisti venuti sotto il sole della Costa Azzurra.

Lontano dagli stand specializzati in pelletteria e gioielleria, preferisce andare a caccia di oggetti da vetrina o decorativi offerti a prezzi accessibili (70 euro per un solfuro firmato da Louis Leloup, maestro vetraio belga, nato nel 1929), una maschera scolpita in malachite per 50 euro o 4 lastre di lacca nera intarsiate con madreperla raffiguranti fiori e animali per 100 euro.

La vetreria d'arte si perpetua a Biot, grazie ai maestri vetrai Novarro Jean Claude, Monod Claude, Pierini Robert, Van Lith Jean-Paul. Le donne sono meno apprezzate, come si vede con le opere di Luzoro Michèle, che fa fatica a farsi un nome nelle aste pubbliche eppure è apprezzata dai collezionisti per il suo notevole lavoro.

Accanto al Festival Internazionale del Cinema nato nel 1939, secondo "un secolo di vita cannense 1850-1950" pubblicato nel 2014 dalla Città di Cannes, dopo aver studiato gli archivi, la vita artistica della Costa Azzurra non si è indebolita per tutta la seconda metà del XX secolo, come racconta la mostra "la grande bottega del Sud da Cézanne a Matisse" al Museo Granet di Aix en Provence nel 2013 per la pittura. Trovare le tracce di questi artisti nella nostra regione è una sfida che sta dando i suoi frutti.

Lasciamo le borse e i gioielli timbrati per acquistare altre opere d'arte personalizzate e altri oggetti.

 

 

 

 

 

Scrivere e premere Invio per cercare

Carrello
Precedente Avanti
Chiudere
Didascalia di prova
La descrizione del test fa così